Stampa questo articolo Stampa questo articolo Spedisci questo articolo Spedisci questo articolo

La passione per il volo simulato diventa un business

Noi appassionati di volo troviamo nella simulazione un hobby che con costi relativamente bassi, ci consente di simulare il volo reale in tutte le sue fasi. Dalla pianificazione a vista VFR, alla pianificazione delle rotte IFR, alle procedure strumentali più sofisticate con ogni situazione metereologica che ci consentono di simulare la realtà del volo e ci fanno provare molte delle sensazioni di un volo reale. Tutto ciò avviene comodamente seduti dietro ad un PC con un monitor che ti permette di leggere la strumentazione del velivolo e vedere il mondo che lo circonda.whatsapp-image-2019-11-22-at-11-17-11

In questo mondo virtuale puoi assumere vari ruoli, quello del pilota per provare a pilotare gli aeri più diversi per scoprire le caratteristiche tecnico dinamiche di ciascuno, o quello del controllore di volo che attraverso un radar dirige e controlla il traffico. Certamente non è un hobby semplice da coltivare, le conoscenze tecnico/pratiche per alzarsi in volo o per dirigere il traffico sono sicuramente tante e si apprendono con il tempo, leggendo le dispense o partecipando a corsi che ti mettano in condizione di apprendere tutte le nozioni basilari per spiccare il volo.

Per partire e librarsi virtualmente nell’aria basta un buon PC, un Joystick come clos ed una pedaliera per manovrare il timone di coda del velivolo. Se però se riesci a ricavarti uno spazio in casa ove poter allestire una postazione di volo minima il mercato offre tanti piccoli accessori, come il gruppo manetta con le leve per gestire uno o più motori,  il commutatore per selezionare le frequenze della radio o delle radioassistenze VOR o NDB che compaiono, ben visibili, su di un display.whatsapp-image-2019-11-22-at-11-17-07

Oppure aggiungendo  due video a destra e sinistra del video principale si può ottenere una vista allargata del contesto di volo. Insomma si può volare semplicemente con un Joystick e una pedaliera e qualche appendice aggiuntiva senza grosse spese oppure, quando questa passione aumenta e si vuole provare l’ebrezza di pilotare un 737 immersi in una vera e propria cabina di pilotaggio, la cosa si fa seria perché la sua realizzazione richiede tempo, spazio, risorse economiche non trascurabili, oltre a capacità tecniche ed organizzative che difficilmente sono di una singola persona. Ma a questo punto aumentano i costi e l’impegno di tempo ed economico non più sostenibile a livello di hobby.

Non è pensabile sviluppare un simile lavoro per costruire un modello in scala reale di una cabina di pilotaggio di un 737, fare degli investimenti su software, attrezzature come pannelli, componenti elettronici o stampanti 3D, la passione o l’hobby che dir si voglia deve forzatamente diventare un’attività commerciale con tutte le sue fasi di sviluppo che potrebbero essere,

  1. Progettazione, in scala 1:1, del layout della cabina avvalendosi di immagini fotografiche o documenti ufficiali del velivolo.
  2. Realizzazione dei singoli componenti per assemblarli nel contesto globale.
  3. Sviluppo del software di interfaccia che permetta la connessione tra i singoli strumenti e l’interazione con il software del simulatore.

whatsapp-image-2019-11-22-at-11-58-57

Tutto ciò ha un costo elevato di realizzazione per un unico prototipo che può essere abbattuto realizzando i componenti in serie per farne un uso commerciale.

Lascia una risposta