Stampa questo articolo Stampa questo articolo Spedisci questo articolo Spedisci questo articolo

Partenavia P.66 Oscar

La Partenavia nacque nel marzo del 1957 a Napoli, fondata dai fratelli Gianni e Luigi Pascale che intuirono la necessità  di nuovi investimenti per far progredire la loro produzione artigianale su scala industriale, il denaro lo trovarono attraverso degli amici che ne finanziarono parzialmente i progetti. Nacque il così, nel nuovo stabilimento di Arzano, il P.57 “Fachiro”  protagonista vincente di numerose gare tra cui la “1000 km aerea” e numerosi giri di Sicilia. Seguì poi il P.59 “Jolli” che si classificò a pari merito col  P.19 “Scirocco” nel concorso bandito dall’Aeroclub d’Italia ma non entrò mai in produzione. Partenavia P.66 Oscar

Nel 1964 cominciò la serie fortunata dei velivoli “Oscar”; fu prodotto il P.64, che montava un motore Laycoming da 180 C.V. con elica a passo variabile che fece il suo primo volo nell’aprile del 1965, primo aereo della Partenavia esposto al salone di Parigi. Il successo ottenuto da questa macchina persuase i fratelli Pascale a farne una versione più economica: l’Oscar P.66, con un motore da 100 C.V. che si dimostrò insufficiente e fu sostituito poi con un motore da 150 C.V..

Velivolo con una buona forma aerodinamica, con un livello di funzionalità strutturalmente elevato, che è il motivo per cui continua ad essere utilizzato anche oggi nelle principali scuole di volo. Il P.66 si classifico primo in un nuovo concorso dell’Aeroclub d’Italia ed ebbe larghissima diffusione presso gli aeroclub italiani. Macchina sicura, buona anche per viaggi di una certa lunghezza in virtù del confort di cui gode in cabina. Nella sua nuova versione C, il “Charlie” acrobatica, ha vinto un bando dell’Aero Club d’Italia come addestratore basico.

Negli anni tra il 1968 ed il 1970  all’Urbe, sede dell’Aeroclub di Roma, presi l’abilitazione su entrambi così quando trovai un P.66 durante un raduno della nostra “Virtual Airline” presso l’aviosuperficie dell’Aquila fu come ritrovare un vecchio amico e mi venne la voglia di pilotarlo nuovamente fu irresistibile l’emozione del momento, erano quaranta anni che non volavo. Francesco mi fece un bel ripasso generale come sa fare solo lui e poi via con Valerio per un volo andata e ritorno a Preturo.

One Response to Partenavia P.66 Oscar

  1. Donato Fontana scrive:

    ho letto il tuo articolo appassionato … ho visto il video del volo dopo 40 anni … spettacolo!

Lascia una risposta