• Eventi...

Ripristinato il contributo volontario

Carissimi soci e sostenitori,

Il nostro gruppo Aeroclub l’Aquila Virtual, nato nel 2012, nel corso degli ultimi anni ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati, siamo “leader“ nel volo virtuale, siamo considerati in ambito IVAO una ottima V.A., i nostri iscritti sono sparsi in tutta l’Italia e ricoprono posizioni importanti nella struttura operativa di IVAO con compiti di coordinamento e controllo.

Siamo apprezzati nel volo reale, la nostra collaborazione con l’Aeroclub dell’Aquila è sempre molto attiva e continua a darci molte soddisfazioni fornendoci sempre molti spunti e nuove idee come nel caso dell’ultimo raduno di cui potete trovare le foto nel portale.

Molti dei nostri iscritti sono piloti dell’aeroclub reale e stanno perfezionando i loro brevetti con professionalità. Questo impegno, oltre a farci piacere, non può che darci soddisfazione e orgoglio per quello che abbiamo costruito assieme a voi, però questa organizzazione ha un costo, anche se cerchiamo di ridurlo eliminando il superfluo, abbiamo delle spese per l’utilizzo del software che ci consente di operare e di gestire i voli di compagnia. Questo anno abbiamo dovuto ripristinare il contributo volontario che ci serve per la spesa correntie di esercizio. V’invito pertanto ha rinnovare il versamento della quota volontaria associativa di 30 € o, per chi lo volesse, potete fare delle donazioni secondo quanto previsto nel portale alla voce “Donazioni”.

Grazie a tutti

Nella Foto evento fatto in collaborazione con il Club reale presso un centro commerciale aquilano

Nella foto evento fatto in collaborazione con il Club reale presso un centro commerciale aquilano

Edoardo Federici

25 Giugno 2018… h 19z… Appenini DAY…

evento-sky-e-orio Ehi ragaaaaaaa……

Eccoci nuovamente qui per un volo VFR in condivisione con le altre compagnie e/o club virtuali. Dopo lo splendido giro della Toscana, che ci ha visto svolazzare sul cielo italiano assieme agli amici della “SKY CLUB ITALIA” e della “ORIO VIRTUAL TEAM”, siamo stati invitati dai cugini vicini della Sky a svolazzare assieme a loro, e agli amici della Orio, lungo gli Appennini del centro Italia.

Infatti, per giorno 25 giugno 2018, alle 19:00utc (21:00LT), hanno pianificato un bel volo VFR calling da Perugia (sede della SkyClub) a Pescara (località balneare simbolo di augurio per le imminenti ferie estive), passando per Rieti e L’Aquila (sede di fondazione dell’Aeroclub L’Aquila da cui noi deriviamo).

Data l’intensità delle forze impiegate e il desideri dei partecipanti di creare un evento di rilevata importanza, per l’occasione si avrà una massiva copertura ATC in modo da simulare ogni sfaccettatura del volo reale. Avremo copertura in torre e avvicinamento sia su Perugia che Pescara….avremo copertura su LIQN…e avremo copertura su Roma Informazioni.

Allora, che dire…..

pianificate alla grande il vostro calling! In caso, se non avete tempo sufficiente o carenze di idee, potete prendere spunto dal briefing pre-volo dei cugini della SkyClub, di seguito riportato.

Briefing pre-volo

appennini-calling

Ci sarà anche uno screenshot contest con l’estrazione del miglior scatto virtuale di sempre! Nel briefing di cui sopra, troverete alcune località papabili per lo screen….

 

Non rimane che augurare…… BUONA PIANIFICAZIONE!  😉

 

Le carte AIP le trovate qui, previa registrazione.

 

N.B.

Ricordate che il lunedì ci saranno i punti dell’Online Day e dei “quarti d’ora” volati mandando il proprio pirep nel FOC

 

(lo staff si riserva di comunicare eventuali aggiornamenti dell’evento mediante il gruppo di WhatsApp – “AeroClub L’Aquila Virtual”)

Fabio Coppola

I Faraoni conoscevano la tecnica del volo ? L’uccello di Saggara.

Vi sono indizi che farebbero supporre che fin dai tempi remoti dei faraoni fossero in in qualche modo noti degli oggetti simili a dispositivi volanti. Vi sono infatti, dei riferimenti in testi antichi e sono stati ritrovati alcuni oggetti archeologici dalla forma di “aereo”: elementi che insinuano il dubbio, per quanto stravagante, che alcune popolazioni arcaiche conoscessero in qualche maniera quello che si può paragonare ad un odierno aeromobile. Prendiamo ad esempio questo bassorilievo trovato in una piramide, si vede chiaramente una figura simile a un moderno elicottero, forse un caso o una coincidenza. basorilievo Mentre il disegno seguente potrebbe, per la sua fattura e dimensioni, essere un fermaglio o una spilla ma le sue caratteristiche sono veramente straordinarie tanto che alcuni moderni ingegneri aeronautici hanno tentato di capire se un oggetto in scala reale fosse capace di volare. Il primo a incuriosirsi fu l’ingegnere tedesco J.A. Ulrich, che si accorse che riproducevano in modo molto fedele la forma di un caccia a reazione il SAAB F-104 in dotazione dell’aeronautica svedese. Disegno Fu poi la volta di un altro tedesco, un ufficiale, il Tenente Peter Belting, che tentò di riprodurre uno di questi oggetti in scala maggiore, per poi montare sul modello ottenuto, un motore elettrico e un radiocomando. Le prove dimostrarono che non solo era capace di volare, ma era anche estremamente manovrabile ed aveva una elevatissima stabilità. Furono poi tre spagnoli, Justo Miranda, Paula Mercado e Romàn Molla a costruire altri modellini in scala maggiore per sottoporli alla galleria del vento e ad un software di simulazione di volo confermando che l’aerodinamicità era eccezionale e adatta al volo.   Ma l’oggetto più importante fu ritrovato nella tomba di Pa-di-Imen a Saqqara, in Egitto, nel 1898. Datato intorno al 200 a.C., è costruito in legno di sicomoro, con una lunghezza di 14,2 cm, e un’apertura alare di  18,3 cm e un peso di soli 40 grammi.

Edoardo Federici

Michele Burke, il Decano dell’Aquila Virtual

Diamo un saluto caloroso all’amico Michele che ha confezionato, con la nostra compagnia virtuale 5000 punti wings. Un traguardo invidiabile che sta a dimostrare la sua passione per il volo simulato.

awardsMichele è arrivato con noi dopo il corso IIAS tenuto su IVAO dal nostro Presidente Francesco Filipponi. Malgrado la sua non più tenera età è uno dei piloti più assidui nel volo IFR che pratica da diversi anni volando prevalentemente con il Duke, un turboelica della RealAir che gli ha permesso di raggiungere molti dei riconoscimenti previsti su IVAO tra cui l’aver oltre aver superato i 5000 punti all’interno del sodalizio, anche le 5000 ore online.

Lo ringraziamo soprattutto per la sua permanenza nel nostro gruppo, per il suo continuo e costante contributo collaborativo ed economico che ci aiuta nella gestione degli eventi e nell’organizzazione delle attività di volo e dei software di controllo che la rendono possibile.

A Michele Burke va la riconoscenza e la gratitudine di tutto il Direttivo.

http://www.aeroclublaquilavirtual.eu/attivita/le-wings/

Edoardo Federici

Sorvolando la Toscana…

sorvolando-la-toscana Ehi ragaaaaaaa……

Dopo aver consumato tutte le uova pasquali, colombe e i dolci tipici regionali durante queste festività….quale migliore occasione per smaltire un po’ di calorie di troppo se non pianificando una bella tratta!?!?

Preparate una bella pianificazione, per un volo VFR di trasferimento, un airbridge tra Perugia (LIRZ) e l’Isola d’Elba (LIRJ). Giorno 11 aprile 2018, alle 21:00LT, scegliete il vostro SEP o MEP preferito e via…sorvolando le splendide colline toscane e della maremma! Come unico obbligo della serata, infatti, bisognerà pianificare ed effettuare un touch and go o un low pass sull’aerodromo di Ampugnano (LIQS).

Per la ghiotta occasione sarà garantito il controllo dello spazio aereo tramite il Flight Information Center di Roma che gestirà tutto il traffico VFR!

Allora…che dire…facciamo uscire pazzo il FIC e ascoltiamo bene le comunicazioni in canale!!! Di fatto, pianificate una rotta ricca di VRP ma, possibilmente, non le classiche cittadine per punti di riferimento! Bensì, inserite punti visibili e riscontrabili ad occhio nudo tipo laghi, vallate, pianure, cime di monti, colline, grandi incroci stradali, superstrade, caselli autostradali etc…

Rendiamola bella frizzante questa serata!!! E, se volete osare, inserite anche uno o più punti di riporto basati su qualche radiale o QDR!!!

 

In occasione della serata dedicata al VFR e nello spirito di condivisione del nostro club, per il volo in questione, avremo l’onore di ospitare due grandi virtual airline, anch’esse amanti del volo a vista, che ci accompagneranno per tutta la tratta! Saremo in compagnia degli amici della “ORIO VIRTUAL TEAM” e della “SKY CLUB ITALIA”.

 

Allora…non rimane che augurare…… BUONA PIANIFICAZIONE!  😉

 

Le carte AIP le trovate qui, previa registrazione.

 

 

(lo staff si riserva di comunicare eventuali aggiornamenti dell’evento mediante il gruppo di WhatsApp – “AeroClub L’Aquila Virtual”)

Fabio Coppola

STORIE DI GUERRA TRA CIELO E MARE

Durante la seconda guerra mondiale nel 1943, la zona dell’alto Lazio tra Montalto e la città di Viterbo, era piena di campi di volo dell’aviazione tedesca che operavano per contrastare sistematicamente le fortezze volanti angloamericane in transito verso gli obiettivi strategici, per spianare l’avanzata degli alleati e incalzare la ritirata tedesca. A distanza di 70 anni, sulla terraferma, sono quasi scomparse le tracce di questi cruenti combattimenti mentre, sul fondo del mare esse sono ancora visibili anche se attenuate dal tempo. La storia che voglio raccontare coinvolge dei subacquei del nostro tempo appartenenti all’associazione AssoPaguro di Montalto che si occupa anche di archeologia subacquea.B-24_piani-coda

Dai racconti di alcuni anziani testimoni che avevano visto dei velivoli cadere nella zona e dalle proteste dei pescatori locali che si lamentavano spesso di reti strappate o di oggetti incomprensibili recuperati in fondo al mare, riuscirono a identificare un tratto di mare distante qualche miglio dalla costa, ove vi erano delle probabilità che vi fosse precipitano un aereo nel lontano 1944. Per verificare e per dare libero sfogo alla loro passione archeologica iniziarono ad effettuare delle immersioni rastrellando sistematicamente tutto il tratto di mare incriminato. Durante le prime immersioni, giunti sul fondo, si materializzò davanti a loro nel fango, una contorta struttura metallica molto grande, che face pensare di aver localizzato il relitto di un aereo.
Ala sinistraLa struttura si presentava con una sagoma complessa a pianta rettangolare. La particolare conformazione del relitto faceva pensare a un grosso piano di coda di un bombardiere, ma per averne la certezza bisognava trovare almeno uno dei timoni direzionali che solitamente accompagnavano questi velivoli. Più avanti ebbero la conferma ritrovando un elemento di lamiera a sezione trapezoidale che confermò la loro ipotesi. Si trattava effettivamente del piano di coda di un grosso bombardiere. Questa scoperta diede al gruppo di ricercatori una grossa carica emotiva che li fece continuare la ricerca con altre immersioni nei giorni successivi, fino a quando si scoprì la sagoma di una grande ala sinistra che diede loro la conferma di aver trovato i resti di un grosso bombardiere. Quando poi, in una successiva immersione trovarono la semiala destra con il carrello semiaperto, confrontando il particolare della coda con piano orizzontale e il movimento del Particolare_Carrellocarrello conclusero con certezza che si trattava di un Consolidated B-24 Liberator unico aereo, di quel tempo, con due timoni e carrello che si apriva verso l’esterno. Soddisfatti della scoperta ma con l’ansia di chiarire i motivi per cui un B24, uno degli aerei più comuni dell’ultimo conflitto che ha contribuito all’esito finale della guerra, giaceva smembrato in fondo al mare di Montalto e convinti che questi episodi, nella maggior parte sconosciuti hanno fatto la storia, decisero di continuare le immersioni alla ricerca di nuovi indizi che li portassero a conoscere l’ultimo volo del velivolo e la sua missione.

Ritornarono sull’ala alla ricerca di nuovi particolari fio a quando, in un giorno di mare limpido intravedono una forte massa scura che riconoscono in uno dei quattro potenti motori del velivolo un Pratt & Whitney da 1200 cv.

Edoardo Federici

Verona 2018 HOBBY MODEL EXPO

A Verona, in rappresentanza dell’Aquila Virtual parte del nostro Direttivo da sinistra:

Francesco Filipponi il Presidente, Fabio Manna detto il professore, Emiliano Innocenti la mente, Marco Pedrone il tecnogico …….

rancesco-fabio-emiliano-marco

 

 

Edoardo Federici

HOBBY MODEL EXPO SPRING EDITION 7 – 8 aprile 2018

verona

19a Fiera Primaverile del Modellismo

Gli appassionati di modellismo di tutta Italia trovano nelle varie manifestazioni che si susseguono gli stimoli più espressamente vicini alla pratica preferita di questo poliedrico hobby. E’ il caso della diciannovesima edizione di Hobby Model Expo Spring Edition, programmato nei giorni 7 e 8 aprile 2018 indirizzata al modellismo dinamico senza trascurare quello statico. In questa occasione si ripropone la grandissima attrazione di aree tematiche indoor, gestite dai maggiori forum italiani del settore con i grandi set di rappresentazione affollati da centinaia di modelli in movimento.

Alla manifestazione sarà presente IVAO Italia e con essa molte Virtual Airline tra cui la nostra Aquila Virtual sempre in prima linea durante questi eventi. Saremo al padiglione 7 negli stand attorno al 710.logo-emi-380px

ORARIO  continuato, sabato e domenica 9.30 – 19.00

INGRESSO  Intero  € 10.50 online,  ridotto € 5.50 online.

Solo Carta di Credito     La prevendita online termina giovedì 5 aprile ore 23,59.visa

 

intero € 11.00 sul sito Ticketone;

intero € 10.00 giornaliero –  ridotto € 5.00 giornaliero

– bambini dai 9 ai 12 anni (da 0 a 9 anni gratuito)

– militari: presentando tesserino valido

– invalidi e disabili: presentando certificato di invalidità.

La persona disabile che non è in grado di muoversi autonomamente ha inoltre diritto all’ingresso gratuito per l’accompagnatore

 

 

 

Edoardo Federici

TURBOPROP QUESTO SCONOSCIUTO

Vi presentiamo un bel filmato sulle caratteristiche dei motori turboelica.

Edoardo Federici

SIAI Marchetti S.205 un quadriposto per il turismo avanzato

Il Siai Marchetti S 205, un velivolo italiano progettato e realizzato dalla Siai-Marchetti nel 1966 su progetto del designer Alessandro Brena rimase disponibile sulle linee di volo dei principali Aeroclub Italiani  sino a tutti gli anni ottanta. Un velivolo quadriposto ad ala bassa, con struttura metallica rivettata, carrello retrattile ed elica a passo variabile con le seguenti caratteristiche tecniche:

s205

Apertura alare di      10,86 m

Lunghezza                 8,00 m

Altezza                      2,89 m

Peso a vuoto            750 kg

Peso Totale              1.350 Kg

Motore Lycoming   IO-360

Potenza                     1×200 CV

Velocità Massima    295 Kh

Tangenza                  6200 m

Autonomia              1.325 Km

Un velivolo, sviluppato per il mercato dell’aviazione da turismo e diporto, fu utilizzato dagli aeroclub italiani per i corsi di addestramento al volo IFR base. Al velivolo venivano oscurati i finestrini con una pellicola arancione mentre il pilota indossava degli occhiali che gli consentivano la visione dei soli  strumenti mentre la visione esterna rimaneva prerogativa dell’istruttore.

Nel 1967, nell’ambito di un programma di rinnovamento del suo parco velivoli leggeri l’Aeronautica Militare Italiana decise di dotarsi dell’S.205 per impiegarlo come aereo da traino alianti, da assegnare alla sezione di Volo a Vela presso l’aeroporto di Guidonia. Successivamente furono acquistati altri velivoli e convertiti alla versione S.208 M portando così il totale complessivo a 45 unità, assegnati anche ai Centri Addestramento Volo (CAV) delle tre regioni aeree, in seguito ridistribuiti al 300º, 303º e 304º gruppo, e poi, a partire dagli anni ottanta, alle squadriglie collegamenti degli stormi.

L’S.205 non fu solo un velivolo di addestramento fu utilizzato molto per turismo o per lunghe trasvolate a tappe come quella che nel 1970, a cinquanta anni di distanza dal volo epico di Ferrarin e Masiero da Roma A Tokio, l’impresa fu ripetuta da Mario Panvini-Rosati.

Foto di Andrea Buzzacchi Planesport.net

Foto di Andrea Buzzacchi Planesport.net

Partito il 15 ottobre, con l’I-SJAB giunse a  Tokio il 15 novembre dopo molte disavventure: mentre si avvicinava ad Hong Kong l’S.205 fu investito da un violento temporale tanto che i collegamenti radio erano impossibili. Per sua fortuna si trovava sulla sua stessa rotta un DC.8 dell’Alitalia pilotato dal comandante Petrosellini, che accortosi dal nominativo che si trattava di un velivolo italiano si offri immediatamente per fare da ponte radio fra Panvini-Rosati e Hong Kong facilitando l’avvicinamento del piccolo S.205. Mentre sorvolava in Vietnam il sentiero di Ho Chi Min fu fatto segno a un violento fuoco contraereo da parte dei Sudvietnamiti, o degli americani, la ragione era, ma il pilota la seppe dopo, la mancata trasmissione del suo piano di volo da parte delle autorità aeroportuali di Bangkok. In quel momento non vi era tempo per ragionare ed il pilota decise di spegnere le luci di navigazione e gettarsi in vite per uscirne a bassa quota e continuare il volo verso Saigon ove giunse indisturbato.

Edoardo Federici

14 MAGGIO 2018 – Online Day di IVAO

onlinedayaward

Lunedì 07 Maggio 2018, dalle 20z alle 22z (21-23 locali) prosegue l’Online Day 2.0 di IVAO,

Siete tutti invitati a scegliere la vostra tratta preferita tra quelle disponibli che coinvolgerà l’italia in DUE degli ACC della nostra bella penisola.

ACC Validi per il prossimo Lunedì:


Roma (NE) 


Ciampino LIRA, Fiumicino LIRF, Napoli LIRN, Pisa LIRP, Firenze LIRQ


Brindisi ACC


Crotone LIBC, Bari Palese LIBD, Pescara LIBP, Brindisi Casale LIBR


 

Come funziona?

Lo staff di IVAO Italia ha selezionato i due ACC sopra riportati. Vi invitiamo a decollare e/o atterrare in uno degli aeroporti all’interno degli ACC selezionati per trascorrere una serata memorabile con servizio ATC al completo!

INDICAZIONI DI COMPAGNIA

Pianificazione a piacere.

Per i partecipanti si raccomanda la scrupolosa osservazione dell’art. 5 del Regolamento del Club (visibile alla sezione ISCRIZIONI – REGOLE).

 

RACCOMANDAZIONI

Carte  – Tutte le carte necessarie sono disponibili tramite l’accesso al portale ENAV

Durante l’evento, gli spazi aerei potrebbero essere parecchio affollati, non dimenticate di prendere nota delle procedure Go Around e degli Holding Pattern pubblicati.

RIPORTIAMO ANCHE CALENDARIO ONLINE-DAY/IVAO DEI PROSSIMI ON-LINE DAY 

  • MAGGIO
    • 21 MAG – Padova – Brindisi
    • 28 MAG – Roma (NE) – Padova

    GIUGNO

    • 4 GIU – Brindisi – Milano
Donato Fontana